Home Consumatori

INGHILTERRA. PIERCING INTIMO CONSIDERATO MUTILAZIONE GENITALE

0
CONDIVIDI

piercingLONDRA. 19. MAR. Il piercing effettuato agli organi genitali femminili, anche per ragioni estetiche, sarà considerato al pari di una mutilazione genitale. Lo prevedono le nuove regole del Servizio sanitario inglese (Nhs) che entreranno in vigore da aprile.

La nuova regolamentazione, obbligatoria, si applicherà anche alle donne che con il loro consenso si sono sottoposte a questa procedura per motivi cosmetici ed estetici, o perché ritengono così di aumentare e migliorare la loro vita sessuale. Le mutilazioni genitali sono una procedura non medica che intenzionalmente modifica l’aspetto degli organi genitali femminili, causando anche lesioni.

Il piercing e le incisioni sono classificati come “procedure dannose” e rientrano tra le mutilazioni genitali delle linee guida dell’Oms pubblicate l’anno scorso. Nel mondo oltre 130 milioni di donne e ragazze hanno sofferto e subito mutilazioni genitali e nel Regno Unito sono in aumento le donne trattate negli ultimi mesi nei servizi sanitari a causa delle mutilazioni genitali.

Dall’esplosione della moda che imperversa da anni per tattoo e piercing al fenomeno contrario di una sorta di pentitismo di coloro che non riescono più a sopportarli per ragioni strettamente personali o di salute o che per esigenze professionali pensano di fare un passo indietro.Sono infatti sempre più coloro che fanno dietrofront – come sostengono gli specialisti dermatologi del settore – in controtendenza all’euforia dei piercing che tuttora coinvolge giovani anche se l’età non è mai apparsa come un limite.

 

Leggi l’articolo originale: INGHILTERRA. PIERCING INTIMO CONSIDERATO MUTILAZIONE GENITALE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here